Sostegno al rafforzamento patrimoniale delle PMI

Richiedi informazioni

D.g.r. Lomb. 4697/2021

Agevolarating:

Fondi disponibiliModulisticaEntità agevolazioniProcedura

Infog_2009sostegnopatrimonialePMI.png

Contributi a fondo perduto fino a euro 100.000,00.

Obiettivo della misura è sostenere le PMI lombarde che vogliano rafforzare la propria struttura patrimoniale e che intendano investire sul proprio sviluppo e rilancio nell’ambito di interventi aventi almeno una delle seguenti finalità: attrazione investimenti, reshoring e back shoring; riconversione e sviluppo aziendale; transizione digitale; transizione green.

Dotazione finanziaria: euro 140.000.000,00.

Beneficiarie sono le PMI che: 

  • abbiano sede legale e/o operativa in Lombardia e siano iscritte al Registro Imprese;
  • siano società di capitali (linea 2) o si impegnino a diventarlo entro 60 giorni dalla data di concessione dell'agevolazione;
  • siano attive da oltre 12 mesi (linea 1); da oltre 36 mesi e in possesso di almeno n. 2 bilanci (linea 2);
  • abbiano deliberato alla data di presentazione della domanda e successivamente al 14/05/2021 un aumento di capitale di almeno euro 25.000,00 per la linea 1 e di almeno euro 75.000,00 per la linea 2.

I professionisti (linea 1) devono:

  • impegnarsi, entro 60 giorni dalla comunicazione di concessione dell’agevolazione, a trasformarsi in società di capitali;
  • avere il domicilio fiscale in Lombardia;
  • svolgere l’attività professionale in Lombardia da oltre 12 mesi;
  • aver deliberato alla data di presentazione della domanda e successivamente al 14/05/2021 un aumento di capitale di almeno euro 25.000,00.

Esclusioni: codici Ateco primari A e K; codici Ateco 47.78.94; 92.00; 92.00.02; 92.00.09; 96.04.1; imprese in difficoltà al 31/12/2019; soggetti costituiti in forma cooperativa e loro Consorzi; per le PMI che presentano domanda sulla Linea 2, sono escluse quelle rientranti nelle specifiche esclusioni di cui all’art. 1 del Regolamento (UE) 1407/2013.

Sono previste due linee di finanziamento.

Linea 1 rivolta a:

  • a) PMI costituite nella forma di impresa individuale ovvero società di persone;
  • b) liberi professionisti che abbiano avviato l’attività professionale da almeno 12 mesi

che decidano di trasformarsi in società di capitali, e che prima di presentare la domanda di partecipazione abbiano deliberato un aumento di capitale pari ad almeno 25.000,00 euro.

Linea 2 a cui possono accedere PMI che sono già costituite nella forma di società di capitali e che prima di presentare la domanda abbiano deliberato un aumento di capitale pari ad almeno 75.000,00 euro. 

Questa linea si rivolge anche alle PMI iscritte all’albo delle imprese agromeccaniche della Regione Lombardia attive da oltre 36 mesi e in possesso di almeno 2 bilanci.

Interventi ammissibili:

  • linea 1: operazione di aumento di capitale del valore minimo di euro 25.000,00;
  • linea 2: operazione di aumento di capitale di almeno euro 75.000,00 e programma di investimento pari ad almeno il doppio del contributo. Il programma deve essere realizzato in Lombardia entro 12 mesi dall'erogazione del contributo.

L’aumento di capitale può essere destinato parzialmente a coprire le perdite di bilancio, ma tale quota non sarà considerata per il calcolo del contributo a fondo perduto.

L’intero versamento dell’aumento di capitale sociale deliberato e presentato nella domanda deve essere eseguito entro 60 giorni dalla ricezione della comunicazione di concessione dell’agevolazione.

Spese ammissibili per il programma di investimento:

  • a) macchinari, impianti di produzione, attrezzature, arredi nuovi di fabbrica;
  • b) software & hardware;
  • c) marchi, brevetti e licenze di produzione;
  • d) opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati, anche finalizzati all’introduzione di criteri di ingegneria antisismica, nel limite del 20% delle voci a), b) e c);
  • e) consulenze strategiche e tecniche nel limite del 10% delle voci precedenti.

Caratteristiche dell'agevolazione.

Linea 1. Contributo a fondo perduto pari al 30% dell’aumento di capitale, con un valore massimo di euro 25.000,00Il contributo regionale dovrà essere iscritto in una riserva di patrimonio netto non distribuibile da utilizzare per futuri aumenti di capitale sociale.

Linea 2Contributo a fondo perduto pari al 30% dell’aumento di capitale, con un valore massimo di euro 100.000,00Il contributo regionale dovrà essere iscritto in una riserva di patrimonio netto non distribuibile da utilizzare per futuri aumenti di capitale sociale a fronte di un investimento almeno pari al doppio del contributo.

Le PMI che presentano domanda sulla linea 2 possono richiedere anche un finanziamento a medio-lungo termine a condizioni di mercato, finalizzato a sostenere il programma di investimenti e assistito da una garanzia regionale gratuita fino all'80%.

Caratteristiche del finanziamento: durata massima 72 mesi; importo massimo 4 volte il valore dell’aumento di capitale versato e comunque nel limite del 80% del valore dell’investimento ammissibile; valore compreso tra euro 36.000,00 e euro 1.000.000,00.

In sostituzione o in affiancamento alla garanzia rilasciata da Regione Lombardia, potranno essere richieste altre garanzie (es. Fondo Centrale di Garanzia, Confidi).

Regime di aiuto.

  • finanziamento: non aiuto di Stato;
  • contributo a fondo perduto: quadro temporaneo;
  • garanzia: de minimis.

Istruttoria: valutativa a sportello.

Tempi di presentazione delle domande: di prossima pubblicazione.

[patrimonializzazione] [pmi] [lombardia] [garanzia]

Riferimento di legge: D.g.r. Lomb. 4697/2021Note scadenza: Bando di prossima pubblicazioneDocumenti allegati (registrati per vederli): 2009_Normativa.zip

Torna alle agevolazioni

iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professionifondazione brescia musei