Incentivi per riduzione consumi energetici e fotovoltaico

Richiedi informazioni

D.g.r. Lomb. 4650/2021

Agevolarating:

Fondi disponibiliModulisticaEntità agevolazioniProcedura

Contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese.

Obiettivo: ridurre i consumi energetici e le emissioni climalteranti delle Piccole e Medie Imprese.

Dotazione finanziaria: euro 10.000.000,00.

Beneficiari: PMI che operano nel settore manifatturiero o estrattivo (codici Ateco B o C), con sede operativa in Lombardia.
Le imprese devono essere dotate di una diagnosi energetica (per la sede produttiva oggetto dell'intervento) che, in caso di imprese non energivore, può essere redatta anche da esperti non certificati. 

Interventi ammissibili.

  • Linea 1: interventi di modifica, sostituzione o integrazione degli impianti produttivi che consentano di migliorare la prestazione energetica del sito produttivo, calcolata in base ai consumi (termici ed elettrici) della produzione degli ultimi 3 anni solari; investimento minimo: euro 80.000,00; riduzione dell’indice di prestazione energetica: almeno del 7%;
  • linea 2: installazione di impianti fotovoltaici con potenza di picco fino a 1 MW sulle coperture delle sedi produttive e delle relative pertinenze, con possibile integrazione di sistemi di accumulo per il fabbisogno dell’impresa.

Gli interventi dovranno essere realizzati e collaudati e rendicontati entro 15 mesi dalla comunicazione di assegnazione del contributo.

Spese ammissibili (sostenute a decorrere dalla comunicazione di assegnazione del contributo).

Linea 1:

  • consulenza, perizia tecnica asseverata, progettazione, direzione lavori e collaudo (max. 10% del totale spese per l'intervento);
  • fornitura ed installazione dei dispositivi e degli impianti che consentono di ridurre l'indice di prestazione energetica;
  • acquisto ed installazione di sistemi di controllo e di monitoraggio dei consumi;
  • oneri per la sicurezza.

Linea 2:

  • consulenza, progettazione, direzione lavori e collaudo dell’impianto fotovoltaico e dell’eventuale impianto per l’accumulo dell’energia prodotta da quest’ultimo, nel limite del 10% del totale delle spese;
  • fornitura ed installazione degli impianti fotovoltaici e degli eventuali impianti di accumulo (limite max. euro 2.000,00/kW);
  • sistemi combinati di Inverter con batterie;
  • allacciamento alla rete dell’energia elettrica;
  • oneri per la sicurezza.

Caratteristiche dell'agevolazione. Contributo a fondo perduto, come segue:

  • linea 1 e 2: 50% dei costi per consulenza, perizia tecnica asseverata, progettazione, direzione lavori e collaudo degli interventi, nel limite del 10% del totale dei costi;
  • linea 1: 40% delle spese ammissibili per interventi di efficientamento energetico;
  • linea 2: 30% delle spese ammissibili per installazione di impianti fotovoltaici per la produzione di energia da fonti rinnovabili, con possibile integrazione di sistemi di accumulo.

Per ciascuna linea, il contributo per gli investimenti non potrà superare l’importo massimo di euro 400.000,00 al netto del contributo relativo alle spese per consulenza, perizia tecnica asseverata, progettazione, direzione lavori e collaudo degli interventi. La stessa impresa potrà chiedere il contributo per ciascuna linea di intervento, con due domande distinte.

Regime di aiuto: Reg. UE 651/2014.

Istruttoria: valutativa a graduatoria.

Termini di presentazione delle domande: di prossima pubblicazione.

[lombardia] [efficienza] [efficientamento energetico] [ambiente] [rinnovabili] [ecosostenibilità]

Riferimento di legge: D.g.r. Lomb. 4650/2021Note scadenza: Bando di prossima pubblicazioneDocumenti allegati (registrati per vederli): 2010_Normativa.zip

Torna alle agevolazioni

iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professionifondazione brescia musei