Emissioni in atmosfera: normative e quadro di riferimento

Adeguamento Compliance
Richiedi informazioni

D.Lgs. 152/2006

Le emissioni in atmosfera, lo ricordiamo, sono uno degli aspetti di prevalente impatto ambientale ad opera delle realtà produttive. In sostanza, quando si parla di “inquinamento atmosferico” s’intende tutto ciò che apporta modifiche all’aria, con l’introduzione di una o più sostanze che potrebbero costituire un pericolo per la salute dell’uomo e per la qualità ambientale.

Per questa motivazione ogni azienda che emette nell’aria sostanze è tenuta ad avere una precisa autorizzazione in merito alla sua attività produttiva, un’autorizzazione preventiva a qualsiasi messa a regime di attività. Gli enti preposti a questo tipo di autorizzazione sono le Province, che hanno ricevuto (in trasferimento, non in delega) la materia dagli enti regionali.

Erroneamente si può pensare che queste autorizzazioni riguardino soltanto le grandi industrie, le cui emissioni in aria sono visibili anche “fisicamente” ma non è così: anche cappe di particolare portata che operano in contesti di cucine di grandi e medie dimensioni possono essere soggette al percorso di domanda dell’autorizzazione.

La norma a cui tutta la materia fa riferimento è il decreto legislativo 152 del 2006 che ha rinnovato il quadro legale su questo tema, con sostanziali modifiche rispetto al passato, portando ad esempio la durata dell’autorizzazione dai 15 anni del passato ai 10 anni attuali.

Esiste a tale proposito un preciso calendario che scandisce l’obbligo di richiesta da parte delle aziende. In particolare (Fonte: Provincia di Brescia) la domanda di rinnovo è vincolata all’annualità dell’ultima autorizzazione concessa. Ecco il quadro dettagliato:

  • Per le autorizzazioni rilasciate fino al 1995, il rinnovo andava richiesto entro la fine del 2012.
  • Per le autorizzazioni rilasciate fino al 1999, il rinnovo andava richiesto entro la fine del 2013.
  • Per le autorizzazioni rilasciate fino al 2002, il rinnovo andava richiesto entro la fine del 2014.
  • Per le autorizzazioni rilasciate fino al 2006, il rinnovo andava richiesto entro la fine del 2015.

Annualità e scadenza abbondantemente superate nel 2018, tuttavia sono ancora numerose le aziende che, facendo fede alla precedente normativa sui 15 anni, non hanno ancora richiesto il rinnovo.

SAEF può curare anche questo aspetto della compliance aziendale. 

Torna agli adeguamenti

iso 9001World Certification Services Ltd - ISO 9001fondo professioniFondo Paritetico Interprofessionale NazionaleL'avviso 02/18 finanzia la partecipazione ad attività formative a catalogo accreditate per un importo complessivo di € 1.000.000,00 (unmilione/00). Ogni Studio/Azienda può partecipare a più di un’attività formativa individuale a catalogo, per un contributo pari all’ 80% dell’imponibile I.V.A. di ogni singola iniziativa, fino ad un valore complessivo massimo di € 1.500,00 (millecinquecento/00) di contributo.questioQuestio 2016baqBollino blu per le imprese che fanno alternanza scuola lavoro