Da Industria a Impresa 4.0: parole chiave “formazione” e “sostegno alle PMI”

Parla il direttore delle Politiche industriali, ideatore degli incentivi che stanno guidando lo sviluppo delle imprese del Paese in chiave 4.0

Il piano Industria 4.0 non cambia soltanto nome in “Impresa 4.0” ma cambia anche strategia. A dirlo è Stefano Firpo, direttore generale per la Politica industriale e ideatore degli incentivi legati allo sviluppo imprenditoriale digitale in chiave 4.0. E i cambiamenti riguarderanno soprattutto un tema (quello della formazione) e un target (quello della PMI).

Anche perché hanno utilizzato per ora il piano Impresa 4.0 il 50% delle grandi imprese, una quota compresa fra il 35 e il 40% delle medie e soltanto il 20% delle piccole. Un dato, quest’ultimo, su cui riflettere ma non sul quale fasciarsi la testa. E’ normale che la piccola impresa, che rappresenta l’ossatura del panorama imprenditoriale di molte regioni italiane, sia più refrattaria a questi cambiamenti e più lenta nell’approcciarli.

Il grande sforzo da mettere in campo, però, riguarda soprattutto il tema delle competenze. In passato qualcosa è stato fatto supportando con risorse economiche gli istituti tecnici superiori e incentivando la formazione cosiddetta “on the job”. Ma di fatto questa azione va moltiplicata con decisione.

Il tutto in attesa che anche i piani europei, rispetto a quelli nazionali, stabiliscano un percorso per far dialogare nel contesto comunitario i passaggi e i processi che stanno portando le imprese dell’Unione ad essere sempre più digitali e sempre più moderne.

(Fonte: Sol 24 Ore)

Data di pubblicazione: 29/10/2018

Torna alle news

iso 9001World Certification Services Ltd - ISO 9001fondo professioniFondo Paritetico Interprofessionale NazionaleL'avviso 02/18 finanzia la partecipazione ad attività formative a catalogo accreditate per un importo complessivo di € 1.000.000,00 (unmilione/00). Ogni Studio/Azienda può partecipare a più di un’attività formativa individuale a catalogo, per un contributo pari all’ 80% dell’imponibile I.V.A. di ogni singola iniziativa, fino ad un valore complessivo massimo di € 1.500,00 (millecinquecento/00) di contributo.questioQuestio 2016baqBollino blu per le imprese che fanno alternanza scuola lavoro